L’importanza di frequentare la scuola di italiano: ne parlano direttamente i protagonisti dei corsi di alfabetizzazione in un progetto del CPIA di Gemona frequentato anche dai ragazzi ospiti della casa di Tarcento di Aedis. 

Un progetto per raccontare l’importanza di frequentare i corsi di italiano: è quello che ha realizzato il CPIA di Gemona che ha deciso di far parlare direttamente i protagonisti dei corsi. Fra questi anche alcuni dei minori stranieri accolti per il percorso di integrazione nelle case di Aedis.
Fra questi anche Mohamed, 17 anni ospite della casa di Tarcento, che ha da poco conseguito l’attestato A2 per l’italiano con la media del 10. Nel video diffuso sui social Mohamed elenca tutti i motivi per cui frequentare i corsi di alfabetizzazione: dal cavarsela da soli a chiedere aiuto,  dal capire gli altri a richiedere documenti, dalla ricerca di un lavoro alla ricerca di amici, dell’amore e di un futuro.

 

Il video è stato realizzato da Mariantonietta Giffoni, docente e referente della sede di Gemona, e grazie alla disponibilità della dirigente del CPIA di Udine prof.ssa Flavia Virgilio Aedis ha voluto metterlo in evidenza sul sito e divulgarlo sui social perché si tratta dell’evidenza di come sia importante condividere e lavorare in rete per ottenere una reale integrazione.

L’accoglienza è sempre l’azione di una collettività perché per imparare come si vive in una cultura diversa è necessario conoscere e confrontarsi con tanti protagonisti che la compongono. Se basta una Casa per accogliere un ragazzo migrante, serve tutto il paese intorno per formare nuovi abitanti e cittadini rispettosi e partecipativi.
Per avere maggiori informazioni sul CPIA di Udine e delle sue sedi:
Francesca Benvenuto

Francesca Benvenuto

Copywriter e redattore di testi e articoli web per la comunicazione di enti, aziende e organizzazioni.

Leave a Reply